Mostre
Exhibition view, himmel&höll, 2003 Exhibition view, himmel&höll, 2003

HIMMEL&HOELL

12 Dicembre - 9 Gennaio 2004

Peter Kaser, Kurt Lanthaler

Exhibition view, himmel&höll, 2003

Exhibition view, himmel&höll, 2003

Tre anni fa, nell’autunno del 2000, poco lontano dalla statale del Brennero, Peter Kaser creò un sito artistico, un luogo ai margini di una cascata con un piccolo osservatorio ricavato da un bunker della Seconda Guerra Mondiale, raggiungibile attraverso una scala di 84 scalini. Da allora in questo sito vengono organizzate periodiche iniziative artistiche. Uno dei progetti di questo sito artistico “scalini 84 stufen” nei pressi del Brennero è stato “: paradiso & inferno” di Kurt Lanthaler e Peter Kaser, una scala lirica. Si trattava di una poesia composta esclusivamente per questo luogo dall’autore Kurt Lanthaler, scritta su pannelli in plexiglas montati sull’alzata degli 84 scalini in modo da consentire al visitatore la lettura delle 84 strofe, mano a mano che percorreva in salita gli 84 scalini.

Exhibition view, himmel&höll, 2003

Exhibition view, himmel&höll, 2003

L’esposizione nella Gallerie Museo di Bolzano (12.12.2003 – 10.01.2004) rappresenta un ulteriore sviluppo di quest’opera “: cielo & inferno” ma, nello stesso tempo, una riedizione e ridefinizione dell’intera storia. Sia qui, che là, il tema centrale è la coinvolgente collaborazione tra due artisti, provenienti da due contesti culturali diversi, dall’arte figurativa e dalla letteratura. È il tema della sfida nel collegare queste due arti per dare origine ad un connubio unico che supera entrambe le materie: al Brennero lo scrittore è stato spinto a produrre un opera lirica per un sito artistico e quindi a presentarla visivamente; per la mostra della Galleria Museo, invece, accade esattamente il contrario perché l’artista in questo caso deve creare rappresentazioni artistiche che da una parte possano essere rappresentate letterariamente sottoforma di libro e, dall’altra, che ricordino le liriche del “lettore a piedi” in una forma puramente figurativa. Per ottenere quest’effetto Peter Kaser fa rotolare una patata dorata giù dagli 84 scalini, attraverso i quali Tschaekk Madoia, il protagonista della poesia di Lanthaler “: cielo & inferno”, riesce a sfuggire ai suoi demoni. Mentre il poema epico di Lanthaler si può leggere lungo gli 84 scalini che conducono al bunker, il dramma della patata può essere seguito comodamente dai visitatori come in un cinema: il “lettore a piedi” si trasforma dunque in “mano-lettrice”. Kaser parte dall’idea che l’arte figurativa ha origine soprattutto nella mente delle persone: prima in quella dell’artista e poi in quella dell’osservatore che completa l’opera attraverso la sua elaborazione. Ma perché Kaser rappresenta intenzionalmente la caduta dal “paradiso all’inferno” con una patata? Chi gli pone questa domanda riceve dall’artista una laconica risposta: “Perché no?” Il batterista Paolo Jack Alemanno è famoso per la sua collaborazione con band come Westbound, Cherry Moon, Skanners, Burning Mind on the Road, Skanners e molte altre.

CLOSE