Archivio della categoria: Progetti

Progetti
Image: Daniel Salomon, The Politics of Fermentation, 2015 Image: Daniel Salomon, The Politics of Fermentation, 2015

Spaces of Anticipation
Un Simposio
20 - 21 novembre 2015

KEYNOTE
20 Novembre, ore 19

Roberto Poli (Cattedra UNESCO sui Sistemi anticipanti, Università di Trento)
Stephen Wright (autore e ricercatore, Collège International de Philosophie, Parigi).

 

 

ROUNDTABLE
21 novembre, 10:30 – 13 / 15 – 18

Bar Project (collettivo curatoriale, Barcellona); Roberto Gigliotti (Professore UNIBZ, Bolzano); Emanuele Guidi (direttore artistico ar/ge kunst); Krüger & Pardeller (artisti, Vienna); Lorenzo Sandoval (artista e curatore, Berlino); Manuel Segade (curatore, Rotterdam).

 

 

PERFORMANCE
21 novembre, ore 18

The Politics of Fermentation
Daniel Salomon (artista, Berlino)
A cura di Emanuele Guidi e Lorenzo Sandoval



Anticipation
from past participle stem of anticipare: ante ‘before’ + capere
‘to take (care of) ahead of time’

Anticipate
‘1 Regard as probable; expect or predict.
1.1 Guess or be aware of (what will happen) and take action in order to be prepared.
1.2 Look forward to.
2 Act as a forerunner or precursor of.
2.1 Come or take place before (an event or process expected or scheduled for a later time’’

‘…If the last forty years have been marked by ‘posts’ (post-war, post-colonialism, postmodernism, post-communism), then today, at least, we seem to be in a period of anticipation – an era that museums of contemporary art can help us collectively to sense and understand..’


Il simposio in programma presso ar/ge kunst è la terza iterazione del progetto di ricerca Spaces of Anticipation curato da Lorenzo Sandoval ed Emanuele Guidi. Avviato nel maggio 2014 con un primo simposio tenutosi presso l’EACC di Castellón, il progetto è stato seguito dalla mostra-ricerca Making Room – Spaces of Anticipation aperta negli spazi di ar/ge kunst da giugno a luglio 2014.


L’anticipazione, intesa sia come ‘guardare avanti’ sia come ‘attendere con impazienza’, evoca aspettativa ed emozione nei confronti di cosa e di chi deve ancora arrivare. Suggerisce anche l’idea dell’agire nel presente in preparazione di potenziali incontri.
L’anticipazione sta oggi diventando un campo di studio, in cui le condizioni del presente vengono sottoposte a un’analisi continua allo scopo di rispondere a eventi, sviluppi e tendenze futuri. Nelle sue applicazioni nel design, nell’architettura, nel marketing e persino nella politica, il pubblico (sotto forma di utenti, partecipanti e consumatori) diventa oggetto degli studi anticipatori.


Partendo da queste considerazioni e implicazioni, il progetto Spaces of Anticipation considera questo concetto sfaccettato in relazione a istituzioni culturali e artistiche e propone diversi percorsi di ricerca per meglio definire i campi d’azione in cui le istituzioni operano e comunicano con le proprie comunità.
In questo contesto, la parola anticipazione opera come cardine linguistico e concettuale, un supporto da cui la ricerca si sviluppa e attorno a cui varie posizioni sono raccolte per discutere modelli, pratiche e atteggiamenti istituzionali.


Il simposio riunisce vari contributi: artisti, curatori e ricercatori che, nelle rispettive pratiche e indagini, ampliano la grammatica dell’exhibition making intrecciandola con altri formati di produzione e distribuzione di conoscenza (collettiva). Di conseguenza, l’attenzione a forme di oralità e “narratorship”, a pratiche di cura e ospitalità e alle politiche del tempo e display sono essenziali nel discutere le modalità di relazione e scambio che possono essere stabilite attraverso e internamente all’istituzione.


The Politics of Fermentation
Performance di Daniel Salomon


Il contributo di Daniel Salomon al simposio è una performance partecipativa in cui i sauerkraut (piatto tradizionale a base di cavoli fermentati) saranno preparati. Nelle parole dell’artista: “La fermentazione conserva gli alimenti, è salutare, consente di risparmiare energie e ha un gusto delizioso. Ma al di là di tutti questi benefici, il motivo per cui mi interessa la fermentazione è che la vedo come una fonte infinita di metafore che aprono nuove modalità di relazionarsi con il mondo. A livello microscopico, batteri e funghi interagiscono, co-evolvono, si scambiano DNA, competono, muoiono, si alimentano dei resti organici gli uni degli altri e così via, il tutto secondo le regole di un ambiente complesso. La fermentazione degli alimenti è quindi più una collaborazione con altre specie (batteri e funghi) che un processo su cui abbiamo pieno controllo. Applicando il concetto all’idea di anticipazione, vorrei proporre la realizzazione dei sauerkraut come paradigma rilevante di un approccio umile e pragmatico al modo in cui possiamo influenzare l’ambiente”.


Il simposio si svolge nel contesto della mostra di Ingrid Hora “der Grillentöter/ L’ammazzagrilli” e coincide con il finissage della stessa.


Il Symposium è realizzato con il gentile supporto di Acción Cultural Española (AC/E)

CLOSE
Progetti

Il grande rifiuto
Ligna
23 Settembre 2015, ore 20:30

Performance
In collaborazione con Festival Transart

 

presso:
Ex-Electronia
Via Macello 38
39100 Bolzano

prenotazione obbligatoria
info@transart.it & 0471 673070


Il collettivo Ligna, fondato nel 1997 dagli artisti performativi e radio-attivisti Ole Frahm, Michael Hueners e Torsten Michaelson, con base in Germania, porta in scena una visione, una possibile Storia Europea che non ha mai avuto luogo.


Nell’agosto del 1914 era previsto un congresso della Seconda Internazionale Socialista a Vienna con l´obiettivo di reagire a un possibile inizio della Grande Guerra con uno sciopero generale, che avrebbe fatto auspicabilmente crollare le infrastrutture dei paesi coinvolti e impedito l’avvio del conflitto. Il congresso e lo sciopero non ebbero mai luogo. I discorsi e gli interventi dei partecipanti al congresso erano ormai scritti, le richieste di permesso formulate e inoltrate, ma la guerra ne anticipò e annullò l’attuarsi.


Nell’anno in cui ricorre il centenario dell’inizio della Prima Guerra Mondiale, il grande rifiuto esplora le possibilità individuali e collettive di rifiuto attraverso il re-enactment di una storia che non ha mai avuto luogo e di cui non si conosce la fine. Il pubblico viene invitato a prendere parte ad una fiction storica: il congresso dell’Internazionale Socialista avrà luogo a Bolzano, aprendo un universo parallelo, nel quale si mette in discussione la guerra come destino ineluttabile. Ciascuno si confronterà con una serie di “esercizi di resistenza”, un training di pose e gesti di rifiuto individuali e collettivi.


Il “Grande rifiuto” è il risultato di una serie di residenze di ricerca a Bolzano, Bologna, Genova e Reggio Emilia avvenute ad aprile del 2015.


In lingua tedesca ed italiana.


coordinamento artistico e produzione:
Elena Basteri; Emanuele Guidi; Elisa Ricci
coordinamento amministrativo:
Verena Rastner (ar/ge kunst, Bolzano/Bozen)
traduzione: Elena Basteri, Elisa Ricci


partner coproduttori: ar/ge kunst Bolzano / Bozen, Festival Transart Bolzano / Bozen, Santarcangelo 2015 Festival Internazionale del Teatro in Piazza; On Bologna; Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse; Terni Festival Internazionale della creazione contemporanea


sostenuto da: Goethe – Institut Genua; Goethe – Institut Mailand, Nationales Performance Netz (NPN) International Guest Performance Fund for Dance.
Sostegno al programma di residenze: Goethe – Institut e.V.;


Tour:

Festival Santarcangelo dei Teatri, 10 Luglio 2015 (Prima Nazionale),

Festival Transart and ar/ge kunst, 23 Settembre 2015

Terni Festival Internazionale della creazione contemporanea, 21 Settembre

Teatro della Tosse, Genova, 26/27 Novembre 2015


http://ligna.blogspot.it/

Loghi Ligna

CLOSE
Progetti
Studio Practice: On the Act of Reading
/ Valentina Desideri Studio Practice: On the Act of Reading / Valentina Desideri

Studio Practice:
On the Act of Reading

Valentina Desideri
2-3-4 luglio 2015, ore 14 - 20

in collaborazione con la filosofa DENISE FERREIRA DA SILVA e le coreografe JENNIFER LACEY, CRISTINA RIZZO e MARA CASSIANI


Caro lettore,

Ti invitiamo ad unirti a
Studio Practice: On the Act of Reading. Lo studio sarà aperto dalle 14 alle 20 del 2, 3, 4 Luglio 2015. Potrai stare tutto il tempo che vorrai.

Valentina, Denise, Jennifer, Cristina e Mara si riuniranno in studio, e nello studio, per osservare da vicino l’atto del leggere.


Condividiamo diverse pratiche, tra esse la danza, pratiche di cura (reali e fittizie), filosofia, astrologia, scrittura e insegnamento. Consideriamo ognuna di queste pratiche un tipo di lettura. E soprattutto crediamo che l’atto della lettura sia sempre in corso. Leggiamo costantemente testi, immagini, situazioni, espressioni, corpi e spazio, e molto del nostro modo di capire si costruisce intorno a queste letture istantanee.
Ogni lettura produce un’immagine, immediatamente una composizione ed una rappresentazione di ciò che viene letto. Questa visione della lettura come produzione di immagini attinge dagli scritti di Walter Benjamin sulla lettura e l’immagine come forme di espressione che privilegiano l’intuizione a modi di conoscere ed esistere che si affidano alla riflessione, comprensione e riconoscimento.
Ti invitiamo ad entrare questo studio attraverso una metodologia volontariamente vaga che chiamiamo Studio Practice, che si riferisce sia alla pratica di essere in uno studio che in quella della studiare.
Se consideriamo lo studiare come qualcosa che facciamo con altri – modi di imparare che producono altri modi di convivenza e viceversa – allora lo studio non è solo un luogo in cui studiare ma anche un luogo che rende lo studiare possibile in virtù delle sue specifiche condizioni.
Il tipo di studio a cui ci rifacciamo è il dance studio (sala prove) dove molteplici proposte, parlate o semplicemente agite, si susseguono e viaggiano attraverso i corpi e dimensioni (fisica, intellettuale, emotiva, spirituale). Nello studio entriamo in una sequenza di azoni, silenzi, discussioni, tentativi, banalità, conflitti, entusiasmi. In altre parole: ci dedichiamo a uno specifico modo di “stare insieme” che è lo studio.
Assumendo che nessuno di noi sa cosa lo studio potrebbe significare per noi, ti invitiamo a visitarci in studio, a passare il tempo con noi leggendo, muovendosi, parlando, guardando, ascoltando, incontrandosi, annoiandosi, interessandosi o attivandosi, raccogliendo materiale sull’idea di lettura e seguendo tutte le possibili linee di ricerca che ne potrebbero emergere.

Sentiti libero di portare ‘cose’ che vorresti leggere: un libro, una lettera, un oggetto, un movimento, le tue mani…
Speriamo di vederti qui.

Valentina, Denise, Jennifer, Cristina e Mara


Studio Practice: On the Act of Reading è un evento di tre giorni organizzato da Valentina Desideri in collaborazione con Denise Ferreira de Silva, Jennifer Lacey, Cristina Rizzo and Mara Cassiani.

Studio Practice: On the Act of Reading ha luogo nel contesto della mostra Bassin ouvert della designer e artista francese Clémence Seilles (fino al 1 di Agosto 2015).

Co-prodotto con Bolzano Danza | Tanz Bozen.

Grazie a Museion per la partecipazione di Cristina Rizzo.

Studio Practice: On the Act of Reading e Bassin ouvert si inseriscono nell’ambito di PIANO, piattaforma preparata per l’arte contemporanea, Francia-Italia 2014-2016, concepita da d.c.a / association française de développement des centres d’art, in partnership con l’Institut français d’Italie, l’Ambasciata di Francia in Italia e l’Institut français, con il sostegno del Ministère des Affaires étrangères et du Développement international, del Ministère de la Culture et de la Communication e della Fondazione Nuovi Mecenati.


Stampa
Schermata 05-2457155 alle 12.57.03

CLOSE
Progetti
bir ihtimal with works by Nils Norman, Ceren Oykut, Sinek Sekiz, and the Park Collective. 2010. Photo: Laleper Aytek bir ihtimal with works by Nils Norman, Ceren Oykut, Sinek Sekiz, and the Park Collective. 2010. Photo: Laleper Aytek

One Year-Long Research Project / second
2014 – 2016

/ CAN ALTAY

 

Una collaborazione con Lungomare, Bolzano


Con l’invito a Can Altay ar/ge kunst prosegue la serie “One Year-Long Research Project”, un percorso di lunga durata iniziato nel 2013 con l’invito all’artista Irlandese Gareth Kennedy.


In questo contesto, ar/ge kunst e Lungomare curano assieme il progetto di residenza a lungo termine “Radical Hospitality” e invitano l’artista Can Altay a confrontarsi e interpretare le questioni legate all’ospitalità che, in questo contesto, descrive uno spazio sociale inteso come condizione temporanea e come rapporto che definisce al suo interno dinamiche di potere.
La collaborazione tra ar/ge kunst e Lungomare è il risultato del dialogo ed interesse comune tra le due istituzioni così come dei loro differenti percorsi di ricerca.
Le due istituzioni dialogano assieme e attivamente con Can Altay e rendono pubblico il percorso di ricerca in differenti momenti e luoghi: negli spazi di entrambe le istituzioni, nello spazio pubblico e attraverso pubblicazioni.


Biografia
Can Altay è un artista che vive a Istanbul. I suoi lavori si concentrano su funzioni, significato, organizzazione e riconfigurazione dello spazio pubblico. In particolare gli interventi di Altay forniscono una riflessione critica sui fenomeni urbani e sulla loro relazione con l’attività artistica. Mostre personali (selezione): Arcade, London (2013), Casco, Utrecht (2011), The Showroom, London (2010); mostre colletive (selezione): Walker Art Center (Minneapolis), VanAbbe Museum (Eindhoven), ZKM (Karlsruhe), Artist Space (New York); partecipazioni alle biennali di Istanbul, Havana, Busan, Gwangiu, Marrakech, Taipei.

CLOSE
Progetti
Gareth Kennedy Gareth Kennedy

One Year-Long Research Project / first
2013 - 2014

/ GARETH KENNEDY

 

 

Nel settembre 2013 ar/ge kunst ha inaugurato One Year-Long Research Project, un progetto di ricerca a lungo termine che prevede l’invito di un’artista per una serie di brevi residenze nel corso di un anno. Ogni progetto inizia con una presentazione pubblica e si conclude con una mostra personale.


Il primo artista è Gareth Kennedy (Irlanda, 1979).
Invitato per il suo interesse per le espressioni della cultura folcloristica, Kennedy ha intrapreso un’indagine sulla storia travagliata del folclore e della antropologia visiva in Sudtirolo.
La mostra personale di Gareth Kennedy Die Unbequeme Wissenschaft (La scienza scomoda) ha inaugurato il 19 Settembre fino al 15 Novembre 2014.


Biografia
Gareth Kennedy è un’artista dall’Irlanda occidentale.
Il suo lavoro esplora il valore sociale dell’artigianato nel ventunesimo secolo e genera “comunità d’interesse” intorno alla produzione e performance di una nuova cultura materiale. Facendo proprio un approccio antropologico come estetica operativa, i suoi progetti attingono dalla storia sociale, culturale ed economica di un luogo. Il risultato include architetture o strutture, oggetti artigianali, così come momenti performativi che attivano questi elementi nella vita di uno specifico contesto sociale.
Kennedy ha prodotto ed esibito il suo lavoro in istituzioni irlandesi ed internazionali.
La sua pratica include commissioni di arte pubblica, progetti educativi, mostre, residenze e collaborazioni. Nel 2009 ha co-rappresentato l’Irlanda alla 53a Biennale di Venezia con l’artista Sarah Browne. Insieme a Browne, Kennedy porta avanti una ricerca artistica autonoma sotto il nome di Kennedy Browne.


www.gkennedy.info

CLOSE
Progetti
Gianni Pettena, La Mia Scuola di Architettura, 2011 Gianni Pettena, La Mia Scuola di Architettura, 2011

La Mia Scuola di Architettura
2013 - in corso

Serie


La Mia Scuola di Architettura prende il titolo dalla serie fotografica dell’artista ed “anarchitetto” Gianni Pettena in cui è rappresentato il paesaggio delle Dolomiti che circonda Bolzano. Si tratta di una serie di presentazioni pubbliche irregolari che intende indagare l’idea di paesaggio e l’influenza che esso può avere sulla formazione di un individuo, come artista e cittadino, e quindi sulla costruzione di un’intera comunità.
Allo stesso tempo, in linea con il messaggio di Pettena stesso, La Mia Scuola di Architettura intende portare avanti una riflessione sui possibili formati di produzione e trasmissione di conoscenza, così da espandere l’idea stessa di educazione e scuola.

*1
26.11.2013
Conversazione tra Gianni Pettena (artista), Pierre Bal-Blanc (direttore Cac Bretigny, curatore in residence Museion), Emanuele Guidi (direttore artistico ar/ge kunst)


*2
16.07.2014
The School of Narrative Dance, Marinella Senatore


*3
27.01.2015
Come primo amore, Andreas Pichler


*4
29.04.2015
Riti di fertilità, giovani e identità in Sudtirolo: Il caso studio dello Stelvio in Val Venosta
Marta Villa – Docente, Assistente cattedra di Antropologia Culturale – Università degli Studi di Trento.
Organizzato da EVAA – Associazione Antropologica Alto Adige


*5
01.03.2016
Hidden Islam / Sacred Interiors in Profane Buildings


*6
09.05.2017
Imparare dal paesaggio / BAU con INLAND


*7
19.05.2017
JAPANESE ALPS / Lecture di Francesco Tenaglia

CLOSE